IconMmP busy Introduzione al dolore
Redazione online
IconTutoria busy
Introduzione al dolore .pdf Categoria: Tutoria, Dolore, Redazione
it.Wikipedia Dolore: Indice, Introduzione, Fisiologia, Patologia, Terapie, Lucidi, Album, Fonti
Tutoria Autore: Peter Forster

Anatomia e fisiologia del dolore
Anatomia e fisiologia
del dolore

Su questa pagina ... (nascondi)

  1. 1. Patofisiologia
  2. 2. Forme ed eziologia
  3. 3. Diagnosi differenziale
  4. 4. Proposte

Il dolore Ŕ una percezione sensoriale complessa differenziata (che pu˛ risultare pungente, tirante, bruciante). ╚ un sintomo vitale / esistenziale, un sistema di difesa nelle forme acute che pu˛ diventare malattia in dolori cronici (sindrome dolorosa). Solitamente crea disagio fisico e psichico e compassione (o gioia maligna) sociale.


1.  Patofisiologia

Prima di essere percepita dalla corteccia cerebrale come percezione, lo stimolo muta in tre eventi:

  • trasduzione nei nocicettori e nocineuroni,
  • trasmissione nel sistema neurovegetativo sensoriale e
  • modulazione nelle diverse istanze del sistema nervoso centrale come talamo e sistema limbico.

Dal punto di vista della durata temporale, il dolore Ŕ classificabile come:

  1. Transitorio: vi Ŕ attivazione dei nocicettori, corpuscoli responsabili della trasmissione degli stimoli dolorosi, senza danno tissutale. Scompare con la cessazione dello stimolo;
  2. Acuto: Ŕ un dolore nocicettivo, di breve durata in cui solitamente il rapporto di causa / effetto Ŕ evidente: nel dolore acuto, per effetto di una causa esterna o interna, si ha una fisiologica attivazione dei nocicettori. Si ha, in genere, un danno tissutale; il dolore scompare con la riparazione del danno.
  3. Persistente: la permanenza dello stimolo nocicettivo o della nocicezione rendono il dolore "persistente".
  4. E? "cronico" il dolore associato a profonde modificazioni della personalitÓ e dello stile di vita del paziente che costituiscono fattori di mantenimento indipendenti dall'azione dei nocicettori.

2.  Forme ed eziologia

  • dolore nocicettivo basato primordialmente sull'irritazione dei sensori di dolore (nocicettori) e trasmissione degli impulsi (tramissione di dolore) al sistema nervoso centrale
  • dolore neuropatico in seguito a lesioni del sistema nervoso periferico o del sistema nervoso centrale (p.es. dopo amputazione, paraplegia, infezioni da herpes, polineuropatia diabetica).
  • dolore funzionale in seguito a disturbi funzionali come:
    • mal di schiena causato da impostura e movimenti abitudinali disfunzionali.
    • Meccanismi psicosomatici e riflessivi vegetativi come:
      • Attivazione del sistema neurovegetativo simpatico in stati di ansia
      • Attivazione del sistema neurovegetativo parasimpatico in stati di depressione
      • Aumento di tono muscolare in situazioni di stress (vedi anche Tutoria: Stress

Alcuni fattori psicosociali possono amplificare e/o cronificare dei dolori. Sono da prendere in considerazione nella terapia del dolore (vedi anche ? Terapia del dolore).


3.  Diagnosi differenziale

Disturbi psichici come p.es. depressioni larvate.


Proposte alla pagina

Impressum   |   Recapiti   |   HOME   |   Blog Novità   |   Blog Casistica
Immagini   |   Dispense   |   Lucidi   |   Strumenti
Gruppo di galenica   |   Corso di materia medica   |   Tutoria   |   Gruppo di lavoro corporeo
8=)__ © Cc by Peter Forster nc-2.5-it 061006 / for